A cosa servono i cristalli di CBD

A cosa servono i cristalli di CBD

Conosci a cosa servono i cristalli di ? In questa guida ti spieghiamo gli utilizzi più comuni di questa fantastica molecola della canapa.

Il è uno dei principali presenti nella pianta di e per estrarlo è necessaria una lavorazione e una raffinazione per isolarlo dagli altri componenti. Partendo dalla biomassa di canapa industriale certificata, (quindi a basso tenore di THC) viene eseguita una prima estrazione che produce una sostanza grezza contenente tutte le componenti presenti nella pianta. Successivamente sono necessarie delle raffinazioni raffinazioni per concentrare l’estrazione alla singola molecola (CBD). La purezza dell’estratto è determinata dalla percentuale di rispetto alle altre molecole presenti nell’estrazione, superata la soglia dell’80% il CBD prende la forma dei cristalli, una sorta di polvere bianca. Oltre 99% siamo in presenza di CBD puro, il cosiddetto “isolato” senza contaminazioni.

I cristalli di sono uno strumento estremamente versatile e si prestano a tantissimi utilizzi. Ad esempio la produzione di oli al CBD, prodotti particolari come il wax crumble, lo shatter, ice-rock ecc.

Tuttavia sempre più persone utilizzano i cristalli di puri nella loro forma elementare, assumendoli in via orale sotto la lingua, come un olio al CBD. In questo modo è possibile controllare con precisione la dose assunta, in base ad una prescrizione di un medico, e poterne valutare meglio gli eventuali riscontrati.

Un’altra modalità di assunzione che sta prendendo piede è quella di aggiungere i cristalli nel cibo o nelle bevande, sempre in dose precisa in base alla prescrizione medica. Infatti l’isolato si presta per il semplice fatto che è inodore e insapore, pertanto il profilo aromatico di ciò che si sta gustando rimarrà intatto.

Sicuramente l’utilizzo più comune ed anche più efficace è lo al CBD. Infatti, sempre per il principio che non viene alterato il gusto di ciò che si sta utilizzando, i cristalli possono essere aggiunti agli e-liquidi ed essere inalati contestualmente agli stessi. Tuttavia quest’ultima soluzione è un po più complicata da realizzare perchè i cristalli di CBD devono essere disciolti perfettamente nella soluzione e per fare questo sono necessarie attrezzature adeguate e delle competenze che non tutti hanno.
In ogni caso è possibile acquistare delle soluzioni già preparate che facilitano il compito di chi volesse utilizzare questa soluzione pur non essendo dotato di nessuna attrezzatura o competenza.

Infine molti amano aggiungere i cristalli al tabacco tradizionale da fumare, anche se questa soluzione non è sicuramente salutare dato che gli eventuali del CBD sono marginali rispetto ai danni provocati dal fumo del tabacco.

Queste sono solo alcune delle tante opzioni su come utilizzare i cristalli di CBD, ma esistono innumerevoli altre opzioni! Con un prodotto versatile come i cristalli di CBD, le possibilità sono infinite.

L’unico (potenziale) inconveniente? La polvere di CBD non contiene altro che CBD, quindi non contribuirà all’effetto entourage. Per molti questo non è importante dato che il CBD anche da solo (è stato dimostrato da diversi studi) produce innumerevoli benefici, per altri, tuttavia, la scelta ricadrà solo verso un prodotto CBD a spettro completo (full spectrum).

Anche se si preferisce un CBD full spectrum o altri prodotti CBD tradizionali, non ci sono dubbi che l’isolato sia talmente versatile da essere un prodotto molto popolare.

Info sull'autore

Redazione administrator