Può il CBD aiutare con la perdita del peso?

Può il CBD aiutare con la perdita del peso?

È noto da tempo che i cannabinoidi interagiscono con il sistema endocannabinoide del corpo, che, tra le altre funzioni, svolge un ruolo nella regolazione dell’appetito e del metabolismo. A causa di questa relazione, i ricercatori si sono interessati a esplorare l’uso terapeutico del CBD nella perdita di peso e nell’obesità.

Finora, tuttavia, la maggior parte delle ricerche disponibili sul CBD e sul peso è stata condotta utilizzando animali o studi in vitro, non esseri umani reali, ed alcuni risultati affermano che il CBD aiuta a bruciare i grassi. Questi si basano su uno studio in provetta che ha scoperto che il CBD può aiutare a convertire il grasso bianco sfavorevole in un tipo di grasso che brucia calorie chiamato grasso bruno, nelle cellule animali.

“Gli studi sugli animali possono dirci cosa studiare negli esseri umani, ma non si può trarre una conclusione definitiva che il CBD aiuti con la perdita di peso sulla base di studi sugli animali”, afferma Peter Grinspoon, MD, medico di base e specialista di cannabis presso il Massachusetts General Hospital a Boston. “A volte gli studi sugli animali si rivelano efficaci anche sugli umani, ma talvolta no, pertanto devi davvero fare studi sugli esseri umani per assicurarti che funzionino”. In generale, dice, non ci sono grandi studi che dimostrino che il CBD promuova la perdita di peso negli esseri umani: “Potrebbe far ingrassare alcune persone e potrebbe far perdere peso ad altre”.

C’è un po’ più di ricerca sul genitore del CBD, la cannabis. Ma la cannabis contiene centinaia di composti oltre al CBD, quindi difficilmente sono equivalenti. Ad esempio, uno studio pubblicato nel 2020 su Diabetes ha rilevato che i consumatori di cannabis metabolizzano il glucosio in modo più efficiente rispetto ai non consumatori, ma è un enorme salto presumere che lo stesso valga per il CBD. In questo momento, la parola ufficiale dell’American Diabetes Association è che è improbabile che il CBD migliori i livelli di zucchero nel sangue o di insulina nelle persone con diabete.

I risultati di uno studio prospettico nazionale della durata di tre anni hanno rivelato che i consumatori di cannabis sono meno inclini all’obesità rispetto alle persone che non usano cannabis. E uno studio pubblicato nel 2019 sull’International Journal of Epidemiology ha rilevato che i consumatori di cannabis avevano meno probabilità di aumentare di peso rispetto alle persone che non hanno mai toccato la sostanza.

Affermano gli autori dello studio: “Non abbiamo ancora prove definitive sufficienti per rispondere alla domanda ‘perché?'”, afferma James C. Anthony, PhD, professore di epidemiologia e biostatistica presso la Michigan State University e coautore dello studio. “Vorremmo vedere più repliche di questa associazione inversa prima che qualcuno faccia grandi investimenti nella ricerca sui meccanismi”.

Il dottor Anthony non è l’unico esperto a sollecitare cautela. “In questo momento, le affermazioni di marketing stanno superando le prove scientifiche effettive”, afferma il dott. Grinspoon. “Questo non vuol dire che il CBD non funzioni [per la perdita di peso], ma non è stato dimostrato che funzioni”.

Sebbene ci siano poche prove che l’uso del CBD influisca direttamente sul metabolismo o sull’appetito, può aiutare con il controllo del peso in altri modi. “Molte persone mangiano di più quando sono stressate, soffrono o sono esauste”, afferma Bissex. “Quindi, se il CBD può aiutare a gestire questi problemi, ha senso che possa aiutare a ridurre l’eccesso di cibo”.

Ci sono prove che CDB può aiutare in quelle situazioni. Uno studio retrospettivo su 103 pazienti di cliniche psichiatriche a cui è stato somministrato CBD ha rilevato che l’ansia è diminuita e il sonno è migliorato nella maggior parte dei pazienti entro il primo mese.

“È stato dimostrato che la privazione del sonno aumenta il rilascio di grelina, che aumenta la fame e l’appetito”, aggiunge Bissex. “Consentendo un sonno notturno migliore, è possibile che il CBD possa contrastare questo rilascio di grelina, riducendo così l’appetito”. E se i dolori ti tengono lontano dalla palestra, l’azione antinfiammatoria del CBD può alleviare il dolore muscolare e l’affaticamento, in modo da poterti muovere di nuovo, secondo una recensione pubblicata su Frontiers in Physiology nel 2021.

Il CBD è sicuro per la maggior parte delle persone, ma non per tutti. Ad esempio, se hai la pressione bassa, grandi quantità potrebbero farti girare la testa o vertigini, dice Bissex. E mentre molte persone usano il CBD per il sonno, alcuni scoprono che porta a sogni vividi, che potrebbero essere dovuti a un sonno REM più profondo, aggiunge. A parte questo, gli effetti collaterali come affaticamento, nausea, mal di stomaco e perdita di appetito sono generalmente lievi e di breve durata, secondo la Mayo Clinic, il che potrebbe metterti abbastanza a disagio da mangiare di meno, ma non è una strategia salutare o raccomandata. Alte dosi possono causare danni al fegato, secondo la FDA. Il CBD può anche interagire con alcuni farmaci, in particolare fluidificanti del sangue e farmaci per la tiroide, riporta la Harvard Health Publishing. Quindi, chi stesse pensando di provare il CBD, deve necessariamente parlarne prima con il proprio medico.

In conclusione è ancora presto per puntare sul CBD per perdere peso, almeno fino a che ciò non sarà supportato da evidenze scientifiche derivate da seri studi sugli esseri umani.
Nel frattempo, esistono strategie di gestione del peso molto più potenti e comprovate, vale a dire una dieta sana ed esercizio fisico.

Info sull'autore

Redazione administrator